Olbia, Sardegna - Italia
  • Franz Sedlacek Industrielandschaft 01

    LAT 40,9224 LON 9,4866

Chi siamo

La Contralta nasce in un territorio di rara bellezza che incute e impone rispetto. Il nome deriva dal toponimo di una piccola spiaggia adiacente a uno dei due poderi della Tenuta che si trova sotto il monumento naturale della Roccia dell’Orso, di fronte alla Costa Smeralda, a Palau. È un angolo di mare della Sardegna nordorientale che ha dato il nome all'azienda vitivinicola concentrata esclusivamente sui vitigni autoctoni: vermentino, cannonau e carignano.
La Contralta è molto più che una cantina: è un progetto visionario di valorizzazione della terra, dei vitigni tradizionali, degli uomini e delle donne che la vivono e la amano attraverso il coinvolgimento di ogni protagonista di questa impresa. Una nuova realtà che vuole utilizzare tutto quello che la Natura in Sardegna ha da offrire: graniti, venti, macchia mediterranea, sole, salsedine. La Contralta ci mette il lavoro, le conoscenze tecniche e scientifiche, l'esperienza e l’intuito. Il motto aziendale è "minimalismo enologico".

I nostri valori

AUTENTICITÀ: Crediamo in una produzione non mainstream e non omologata. Crediamo nel superamento dei confini geografici e delle etichette per offrire esperienze autentiche e vini che appagano l’anima.
SOSTENIBILITÀ: Crediamo nei principi della lutte raisonnée e nella biodiversità.Vogliamo lasciare ai posteri un territorio pulito e non inquinato.
ETICA: Crediamo nel rispetto del territorio, in un approccio minimale, che si traduce nella nostra filosofia agronomica.
INCLUSIVITÀ: Crediamo nell’integrazione e nell’equilibrio tra storia, cultura, conoscenze, intuito. Crediamo che il contributo delle persone che credono in questo progetto sia irrinunciabile e insostituibile.

Il nostro logo

Il nostro logo è frutto del genio creativo dell’architetto e designer John Pawson, padre del minimalismo europeo.
Ispirato dal suo progetto di una cappella che vogliamo costruire nelle tenute di Palau.
Un simbolo dal tratto essenziale, che rappresenta la sacralità del lavoro.